Artista del gioiello racconta la sua esperienza di mamma creativa

SerenIdea Creativa: artista del gioiello racconta la sua esperienza di mamma creativa

Serena ha 36 anni, siciliana della provincia di Palermo. Vive con il marito Salvo e la “piccola canaglia” Giuliana Sofìa di tre anni e mezzo. Una ragazza normale insomma, ma con un grande talento! L’abbiamo intervistata per voi!

“Ho frequentato il Liceo Artistico ed in seguito l’Accademia di Belle Arti nella sezione di Decorazione. Poi ho frequentato il Dams ma non ho terminato questo percorso perchè il mondo lavorativo mi ha chiamata a se.”

Come è iniziata la tua avventura da artigiana? 
L’inizio è un pò indefinito… Avendo fatto studi artistici era insito in me l’amore non solo per l’arte nel senso più nobile ed alto del termine, ma anche per la creatività in generale….
Ho sempre avuto le mani intente a pasticciare fin dall’età di due anni. Era abbastanza chiaro cosa avrei fatto, o quantomeno cosa avrei voluto fare. Poi si è presentata una situazione lavorativa che mi ha portata da tutt’altra parte per diversi anni… nel mondo un pò grigio del lavoro d’ufficio, sempre sommersa da scartoffie. Il massimo dell’atto creativo che potevo permettermi era sistemare i raccoglitori a seconda dei colori!
Dopo la maternità avevo assoluto bisogno di un part-time, ma l’azienda per cui lavoravo non me lo ha concesso e così ho dovuto fare una dura scelta.  
Ho deciso di lasciare il lavoro e dedicarmi alla mia bambina. Non mi sono mai pentita (ora lo dico anche più convinta di prima!), tuttavia ammetto che il primo anno i radicali cambiamenti mi hanno scombussolata parecchio e sono andata un pò in tilt rinchiudendomi tra le mura di casa senza più una vita sociale ed uno scopo diverso dall’essere una mamma.
Per fortuna ad un certo punto, come si dice?…. “quando si tocca il fondo poi occorre risalire”… e così è accaduto. Ho iniziato a frequentare qualche corso di hobbistica per conoscere nuovi materiali e prodotti in commercio ed ho ripreso la passione di creare dei gioielli, inizialmente lo facevo per me stessa poi ho iniziato a fare qualche mostra artigiana e contemporaneamente mi sono iscritta a Facebook con l’intento di mostrare i miei lavori…. questo accadeva poco più di un anno fa….

Quanto sono importanti i social network per il tuo business? 
Importantissimi! Non mi sento pronta ad avere ad esempio un sito, un blog, una pagina su Facebook, una su Twitter e chissà che altro. ho solo un profilo su FB e mi va bene così…. mi prende una gran noia nel pensare di dover gestire più cose.
Questo canale per me è stato, ed è tuttora, fondamentale. Un centro di controllo, da qui parte e arriva tutto, o quasi. Sui social network nascono contatti, collaborazioni, metti in mostra i tuoi lavori, assolutamente indispensabile ormai per chiunque abbia voglia di farsi conoscere.

Chi sono i tuoi clienti?
In prevalenza donne, in media tra i 25 ed i 40 anni, ma ci sono anche delle eccezioni. Solitamente donne che hanno un impiego, ma anche delle casalinghe e delle studentesse…. sicuramente qualcosa le accomuna: hanno di base il gusto per un bijou estroso e particolare perchè questo è quello che faccio.
Tuttavia devo ammetterlo, io non creo per loro…. creo per me stessa, secondo le mie ispirazioni ed il mio gusto. La cliente rientra in un piano secondario della fase creativa. Accetto consigli e idee dalle clienti solo quando illuminano anche me perchè non potrei mai creare qualcosa per vendere, quello che faccio mi deve piacere, altrimenti forse tenterei di tornare dietro qualche scrivania in un ufficio.

Creo perchè mi piace e se ricevo richieste che non condivido trovo il modo di far capire alla cliente che non è nelle mie corde. Al contrario, quando qualcuna di loro sceglie qualcosa che io ho pensato inizialmente solo per me, è una gioia.
Non sono io che vado incontro a loro come potrebbe apparire, in realtà sono loro che vengono incontro a me e si accostano al mio pianeta creativo, entrano nel mio cassetto dei sogni.
E’ una sensazione splendida!
Chi decide di adottare una mia creazione mi permette di fare un passettino in avanti, di poter reinvestire in nuovi materiali e nuove ricerche.
Ci sono persone che iniziano a seguirti e ad apprezzare il lavoro che fai, che commentano ogni foto e ti manifestano stima ed affetto.

Come trovi l’ispirazione?
Sono fortemente ispirata dalla Natura, come la forza e la magia dei colori e dalle forme floreali. Ma sono anche rapita da immagini di ogni sorta che inconsciamente si depositano e si sovrappongono nella mia mente, dalla vita quotidiana. Tempo fa mi sono soffermata alcuni minuti a guardare incantata una sfumatura tra il verde ed il viola che c’era in un carciofo. L’ortolano era interdetto!
Raccolgo sul web immagini evocative di moda e gioielli particolari, riguardandole varie volte fioriscono un mondo di idee e si accende la voglia di mettersi a creare!

Quanto conta l’appoggio degli affetti quando si è imprenditori di se stessi? 
Da soli si può riuscire a fare ciò che ci si è prefissati, magari con una buona dose di fortuna e di tenacia. Io, tra i miei tanti difetti, annovero proprio la mancanza di tenacia e di propositività…. anche di fortuna!
Però nelle cose che davvero mi piace fare divento un’altra… compare quella tenacia che in altre cose non sono capace di mettere e attiro un pò di fortuna. A prescindere da ciò che si può fare da soli, è assolutamente indiscutibile che l’appoggio ed il sostegno della famiglia sono la marcia in più, sono il motore, sono sorrisi a fine giornata. Sono una faccia dell’amore. Sono convinta che ogni atto creativo possa esistere solo se nasce da sentimenti…. e se quel sentimento è l’amore allora posso nascere solo cose belle. Che sia una madre che “crea” una vita, che sia una donna che crea un gioiello.

Ringrazio Serena per la sua spontaneità e da cliente quale sono diventata (ho comprato un paio di orecchini meravigliosi), posso dire solo continua così e non fermarti!!

Per info: https://www.facebook.com/serenidea.creativa?fref=ts

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.