Parquet protagonista delle nuove tendenze, Garbelotto offre qualità ed ecosostenibilità

Larice-scelta-rustica-spazzolato garbelotto parquet

Il parquet non è un semplice rivestimento, ma un elemento caratterizzante dell’interior design da secoli. Materiale dalle doti eccezionali, il legno è da sempre utilizzato per le sue caratteristiche di isolante termico ed acustico, ma anche per la sua grande elasticità e resistenza. Il parquet proviene dalla lavorazione di essenze disponibili in natura, ogni parquet è unico e irripetibile.

La scelta del legno è una soluzione elegante e raffinata che sicuramente nel tempo vi darà grande soddisfazione. Nella scelta intervengono innumerevoli fattori quali gusto estetico, costo e caratteristiche dell’ambiente nel quale intendete inserirlo. In quanto materiale “vivo”, è particolarmente importante conoscere le caratteristiche di questo tipo di pavimentazioni, per evitare brutte sorprese a posa ultimata.

Come scegliere il parquet?

Scegliere il tipo di legno, valutando caratteristiche quali: durezza; durabilità; dilatazione; essenza, ovvero l’origine del parquet stesso. È possibile montarlo utilizzando tecniche differenti come quella flottante (o galleggiante), inchiodata e la più classica incollata. Tra le tipologie di parquet, si può invece optare per quello tradizionale, complicato da installare, e per la forma di parquet stabilizzata, quella più diffusa e dalla composizione costituita da diversi strati.

È una buona idea quella di valutare lo spessore delle mattonelle che ricoprono le zone già pavimentate della casa. Queste solitamente hanno uno spessore che si aggira intorno ai 10 mm ed è il caso di scegliere del legno che condivida questa dimensione.

Valutare come proteggere i listoni. Le soluzioni sono vernice e olio, ognuna di esse ha chiaramente dei pro e dei contro. La vernice è utile negli ambienti dove è alto il rischio di sporcare il pavimento (quindi torniamo all’esempio della cucina) evita la formazione di macchie dovute all’azione dell’acqua o di altre sostanze altre sostanze però non è efficace nell’evitare i segni di mobili. L’olio è perfetto per le zone dove è probabile che più spesso vengono spostati mobili perché, anche se si formano segni sul pavimento possono essere coperti da una nuova mano d’olio, ma al contrario della vernice non protegge da macchie.


A chi rivolgersi? 
Nello scegliere un’azienda che produce e vende pavimenti in legno, bisogna fare particolare attenzione alla qualità del prodotto e alla scelta delle specie legnose utilizzate. Un occhio di riguardo deve essere prestato anche all’ecosostenibilità dei prodotti, ormai un imprescindibile dovere.

Selezionata per voi
Dal 1950 il Parchettificio Garbelotto produce pavimenti in legno tradizionali e prefiniti di grande qualità e bellezza, con legnami selezionati provenienti da tutto il mondo.

Tutto il ciclo di produzione, dall’incollaggio alle finiture della superficie, avviene negli stabilimenti in provincia di Treviso, garantendo un prodotto 100% Made in Italy certificato, investendo sull’innovazione tecnologica e in particolar modo sulla biocompatibilità dei prodotti.

L’azienda è stata scelta per realizzazioni importanti sia in Italia che all’estero, sale wellness, alberghi e residenze private di celebrities. Le realizzazioni sono state portate a termine in collaborazione con importanti studi di progettazione e di interior design a livello internazionale.

Zero Emissioni
La Master Floor infatti utilizza un impianto di verniciatura unico in Italia: a ciclo completo all’acqua, garantendo zero emissioni di sostanze nocive, una superficie morbida al tatto, valorizzando la venatura de legno e rendendole più resistenti, idrorepellenti e facili da pulire. 

Made in Italy e responsabilità sociale
Garbelotto e Master Floor sono attente alle problematiche sociali e all’ambiente. All’interno dell’azienda gli ambienti di lavoro garantiscono un luogo confortevole ed ergonomico, favorendo condizioni di lavoro ottimali. A livello locale Garbelotto si fa promotore di iniziative socialmente utili e sponsorizza iniziative culturali e ricreative. A livello internazionale Garbelotto si rifornisce di materia prima solo presso quei produttori che non sfruttano l’ambiente e rispettano le persone, privilegiando i fornitori che dimostrano la loro responsabilità sociale vendendo legname che proviene da aree a riforestazione controllata.


Numeri che contano
40 Colori e trattamenti22 Essenze disponibili 19 Linee di prodotti e complementi 10 Formati 5 Finiture della superficie 5 Spessori 999 Combinazioni disponibili 600.000 mq di pavimenti prodotti all’anno 17.000 mq superficie coperta 19.000 mq superficie esterna 60 dipendenti principali.

Vi segnalo tra le moltissime linee la prestigiosa LINEA “hi-TECH”, particolareggiata da un giunto in gomma applicabile, su tutti i prefiniti Garbelotto e Master Floor, in tutte le specie legnose. Questo ingegnoso profilo sigillante non permette all’acqua e all’umidità di filtrare tra gli incastri delle tavole prefinite. Il profilo sigillante hi-Tech è adatto anche per gli ambienti esterni; la posa è semplice e veloce grazie al doppio incastro. Utilizzabile anche su tavole massicce.

Curiosità: da dove arriva il termine parquet? Se c’è una parola che ha cambiato significato in modo molto singolare è questa. Parquet in origine era il diminutivo di parc, parco. Con il passare del tempo la parola ha iniziato a indicare il luogo dove si tenevano convegni e incontri. Parquet era infatti il nome della sala dove il Re di Francia Luigi XIV teneva le sue riunioni. Questo salone aveva un bellissimo pavimento in legno.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.