Archea e il nuovo piano del Mercato di San Lorenzo a Firenze

Archea nuovo Mercato di San Lorenzo Firenze design architettura

Ha poco più di un mese il nuovo piano del mercato di San Lorenzo, nel pieno cuore di Firenze, a due passi tra stazione e Duomo. Il progetto è opera dello studio Archea Associati di Firenze, stimato studio ormai famoso in tutto il mondo.

Innanzi tutto un breve cenno storico: il mercato di San Lorenzo è il mercato alimentare più grande e famoso di Firenze. Fu realizzato dall’architetto Giuseppe Mengoni, ben noto ai milanesi per la Galleria Vittorio Emanuele. La struttura, che ben si integra con la Firenze rinascimentale, è un capannone in ghisa, ferro e vetro, materiali molto innovativi per l’epoca di cui si parla.

Un paio d’anni fa il comune di Firenze aveva promosso una gara pubblica per riqualificare il primo piano di tale mercato che ora possiamo dire sia stato felicemente realizzato! Il nuovo progetto, su più livelli, vanta 3000 metri quadrati di uno spazio polifunzionale che racchiude non solo banchi gastronomici e botteghe ma anche una libreria, scuole di cucina, un’eno-taste area, un’eno-scuola e spazi per eventi culturali di ogni genere.

Lo studio Archea Associati ha creato una nuova fruibilità interna al mercato esistente, senza intaccarne la struttura ma valorizzandola, il tutto grazie ad operazioni non invasive che vedono l’uso di strutture leggere e smontabili.

Dall’esterno il nuovo intervento è praticamente invisibile. Bisogna entrare, salire le scale e alzare la testa per poi scoprire ‘un nuovo mondo’ architettonico e gastronomico. Un ottimo dialogo tra antico e moderno. Gli arredi interni , flessibili e semplici, collaborano con l’esistente per i materiali semplici e naturali con cui sono realizzati: legno, corde, ceramiche e terre cotte.

Entrando al mercato di San Lorenzo, l’attenzione viene catturata dalle grandi lampade in vimini che fluttuano leggiadre, alte e snelle o meno, sopra le nostre teste portando l’illuminazione al calar della sera o nelle giornate senza sole.

Tra bancarelle, bar, ristorantini e tanto altro ci sono 500 posti a sedere dove poter gustare prelibatezze fiorentine, toscane, italiane e non solo… anche dal mondo!
Il mercato di San Lorenzo nel suo insieme oggi forma una specie di piazza coperta multifunzionale dove al suo interno si possono allestire tantissimi eventi, con videoproiezioni, artisti ed intrattenimenti fino alla mezzanotte. Forse una certa ispirazione è venuta dal Mercato di San Miguel a Madrid, ma bisogna riconoscere che il progetto è ben riuscito ed è 100% italiano!

Sebbene il mercato di San Lorenzo sia aperto da poco l’esito è positivo ed accontenta locali e turisti nonché contribuisce a valorizzare la città di Firenze e l’architettura italiana, del passato e di oggi.

Firenze per la sua bellezza ha sempre ispirato scrittori, pittori, poeti, musicisti e artisti di ogni genere.
In questo anche la vitalità del mercato, ha fatto, e fa tutt’ora, la sua parte! Un esempio recente? la canzone ‘Ahi Julie‘ dei Secondo Appartamento… nata tra banchi di frutta e fiori!