Salone del Mobile 2015: Kristalia, tra note di jazz e design

kristalia_finetodesign

Manca ormai pochissimo alla Milano Design Week. Ancora pochi giorni e Milano si trasformerà in una città dedicata al design, con i suoi eventi del Fuorisalone e il grande polo attrattore per tutti gli appassionati, il Salone vero e proprio. Essendo un evento così vasto ho l’abitudine di fare una sorta di preselezione dei brand che mi attirano di più, che sono più in linea con lo spirito di questo blog.

Kristalia è un’azienda friulana fondata da due imprenditori che si definiscono amanti del design e del jazz. Proprio questo accostamento ha colpito la mia attenzione: la musica jazz non ha punteggiatura, è un “flusso di coscienza” musicale che può essere esteso all’infinito, una colonna sonora che accompagna la vita. E la musica c’è ovunque nel loro design e si vede.
Questi pezzi sono l’anteprima delle novità che verranno presentate alla fiera di Milano durante il Salone del Mobile 2015. Dal 14 al 19 Aprile 2015 presso il padiglione 20 stand A05 – B04.

It’s time for Milano Design Week! In a few days I’ll be there: at Fuorisalone, the map of events dislocated all around the city and at Salone, the huge design fair. As you may have noticed “huge” and “all around” are the main words. This means that I should come up with a list to be sure I’ll be able to see everything that really suits my tastes.

Today I want to share with you a little preview from Kristalia, an italian brand, based in the North East, set up by two young dreamers with love for design and jazz music. This is a very curious point: jazz music has no punctuary, it’s a sort of a “stream of consciusness”, so as the everlasting design pieces that Kristalia develops. Let’s see them in detail!

1- Tutti quanti voglion fare jazz – Everybody wants to be a cat

kristalia_finetodesign_2

Il primo è Sharky. L’accostamento con la canzone del cartone animato firmato Disney, Gli Aristogatti, mi è venuto spontaneo! L’allegria e la leggerezza che traspaiono dal brano musicale ben si adattano allo spirito che ha guidato la creazione di Sharky e del suo concept accattivante.
L’eterna bambina quale sono ha adorato Sharky dal primo momento. Linee morbide, colori pastello e poi…quelle foto col vestito da squalo! Come non innamorarsene? Ammetto di avere un debole per le belle campagne fotografiche, ma in questo caso c’è di più: si tratta di due sgabelli di due altezze e forme di seduta differenti, resistenti e dalle linee pulite, che permettono un utilizzo vario, in contesti anche molto diversi tra loro.

kristalia_finetodesign_2

kristalia_finetodesign_2

La caratteristica principale da cui prendono il nome, sono le “pinne” nella parte posteriore  che costituiscono la giunzione tra base e struttura. La base è in poliuretano e la struttura in legno chiaro; assieme si congiungono a formare una sinergia tra natura e materiali, dove la facilità di pulizia, la leggerezza e la versatilità sono aspetti che hanno contribuito a far vincere il premio Interior Innovation Award 2015 ai suoi creatori, Eva Paster e Michael Geldmacher.

kristalia_finetodesign_2

First of all we have Sharky products. Their creators, Eva Paster and Michael Geldmacher already won Interior Innovation Award 2015 for their first Sharky chair. This catchy name comes from the two fin-shaped coupling elements between the frame and the base clearly remain on the rear part; a technical detail that is the key characteristic of the project. It is available in two different sizes: the high stool entirely replicates the seat of the chair and becomes a comfortable bar stool, whereas the low stool has a different seat, shortened for a more harmonious overall effect. As catchy and playful as the name of these seats is the song Everybody wants to be a cat, from the main picture The Aristocats by Disney!

2-Noah Slee – Waterfalls

Il secondo prodotto che si preannuncia interessante è OXO. L’ho associato ad una cover jazz del celebre gruppo r’n’b americano TLC, che ben celebra il design moderno e fluido del creatore di OXO.

kristalia_finetodesign_2

Kristalia ha infatti collaborato con Xavier Lust, un designer belga considerato uno dei massimi esperti sull’uso dell’alluminio. Massimi esperti s’intende che ha vinto anche il compasso d’oro, tra gli altri premi.

Lust è famoso per la sua capacità di coniugare leggerezza e movimento in un design unico, cosa che non manca nelle sedute OXO.

kristalia_finetodesign_2

OXO, the new collection of chairs, is the outcome of both ongoing research by Kristalia to find new production technologies and Xavier Lust’s in-depth knowledge of aluminium. In this design project, the designer highlights the hallmarks that have made him famous: curves created by his innovative process of bending metal surfaces. To underline this waves I chose a jazz cover of TLC song Waterfalls!

3- Miles Davis – Footprints

kristalia_finetodesign_2

Infine, in ultimo ma non per questo meno importante, veniamo a 1085, una sedia in cuoio, realizzata in collaborazione con Presot, un’azienda italiana che produce dal 1933 suole per scarpe in vero cuoio italiano e che lavora ancora tramite il metodo tradizionale. Come potevo non abbinare un brano di Miles Davis, uno dei maggiori esponenti della musica jazz del secolo scorso? Come la sua musica anche questa sedia è elegante e classica, senza passare mai di moda… e se invecchia… diventa solo migliore!

kristalia_finetodesign_2

kristalia_finetodesign_2

La seduta di Bartoli Design è anch’essa un intramontabile pezzo di design, che utilizza il cuoio naturale di Presot, ottenuto tramite un processo di lavorazione dalle origini antiche, e le cuciture, che sono in vista come l’imbastitura di un abito di alta sartoria, che invece provengono dal settore nautico.

Il risultato finale è quindi una seduta di gran classe, pronta a invecchiare con stile, esattamente come il jazz.

Last but not least is 1085, a chair by Bartoli Design, which recalls Miles Davis everlasting jazz. Because it involves not only the use of a material – natural hide obtained by respecting all its characteristic properties – but also a process, used by Presot, a company which, since 1933, has been producing soles for leading Italian designer labels based on a  centuries-old tradition. For this project, Bartoli Design gladly drew upon Presot’s experience in haute couture (the visible stitching is an explicit reference to that world) and upon the nautical sector, with its tie-rod device.

Inoltre un’aria di cambiamento attraversa l’intera azienda Kristalia! Da architetta quale sono non ho potuto trattenermi dallo sbriciare la loro nuova sede: la decisione, lodevole direi, è stata quella di non dislocare la sede, nè di cementare ex novo.

Si è trattato di un lavoro di ristrutturazione e addizione, migliorando le aree industriali dismesse e bonificando parte del terreno circostante. Per quanto riguarda l’alimentazione dell’edificio è completamente energeticamente autosufficiente, grazie ai pannelli fotovoltaici. Inoltre non solo non sono stati sradicati alberi, ma ne sono stati piantati di nuovi!

E tutta questa attenzione per l’ambiente si riflette anche nella distribuzione in planimetria, dove trovano spazio anche locali dedicati allo sport, al cibo, all’intrattenimento e ovviamente alla musica! Con anche un ampio e vetrato showroom dove si concentreranno le esposizioni di natura artistica.

Non so voi ma io non vedo l’ora di farci un giro…magari proprio in occasione di uno dei loro #venerdìjazz!

 

Lascia un commento