Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Non un posto a caso, la mia città natale! Nel mio immaginario elegante, Torino dalla facciata austera e dall’animo vitale è “una città unica e diversa dal resto d’Italia” citando un famoso giornale internazionale che scrisse di Lei.

Se stai cercando casa, e non sai quale quartiere di Torino potrebbe fare al caso tuo, leggi questo post.

Io stessa ultimamente sono alla ricerca di appartamenti a Torino. Mi piacerebbe molto cambiare casa, avere un terrazzo (difficile) e magari essere vicina alla stazione di Porta Susa (per i continui spostamenti Torino-Milano sarebbe l’ideale).

Il punto è che, quando si cerca casa, non bisognerebbe mai escludere a priori delle zone o dei quartieri per sentito dire. Qui ho deciso di selezionarne una decina, quelli più interessanti dal mio punto di vista. Questo non significa che gli altri siano da scartare, semplicemente sarebbe stato un post troppo didascalico e poco efficace.

Scrivi su un foglio di carta i punti fondamentali in termini di trasporti e servizi, dopodiché passa in rassegna le zone e assegna un + per ogni requisito rispettato. Avrai quindi stilato una classifica, buona base di partenza per una scelta.

Ho diversi amici che vivono in zone differenti dalla mia, e come spesso accade quando ci si confronta e si abita per tanto tempo nello stesso posto (magari ci si è anche cresciuti), si è diffidenti verso altri quartieri. Si pensa che nessun altro possa essere come il nostro, semplicemente perché non lo si conosce.

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Lo stesso vale quando si cambia città, inizialmente si è molto spaventati, critici, nostalgici e poi ci si adatta e si apprezza il nuovo contesto. L’unico modo per scoprire dove vorresti vivere, è provare a dedicare qualche ora passeggiando tra i quartieri della città e provare a immergerti in una potenziale vita quotidiana.

Un altro fattore che incide, e spesso contrasta, la nostra capacità di giudizio nonché la resistenza al cambiamento quando si cerca un appartamento, è di certo l’evolversi della nostra vita in direzioni inaspettate, il cambiamento delle nostre esigenze e dei nostri desideri.

Se hai scelto di cercare appartamenti a Torino e viverci, probabilmente ne hai colto il fascino garbato, oppure ti piace restare in questa dimensione confortevole, via di mezzo tra una grande città e la classica cittadina tranquilla nel verde. Partiamo con la nostra rassegna.

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Appartamenti a Torino: centro, pre-collina e collina

Rispetto a sette o otto anni fa, i prezzi delle case a Torino sono scesi notevolmente. Nonostante questo, le zone “ricche” del centro storico, i palazzi d’epoca e le dimore collinari intorno alla Gran Madre, così come i villini settecenteschi che corrono lungo corso Moncalieri, sono tutt’ora nella lista dei desideri di molti. Quindi, anche i prezzi restano abbastanza elevati.

Abitare ad un passo dal cuore dello shopping, della vita culturale e artistica della città è di certo favoloso. Uscire di casa e avere tutto a portata di mano, compresi musei, teatri e locali… per non parlare della serenità di passeggiare sotto i portici con la pioggia (come facevano il Re e la Regina) ha qualcosa di magico.

Le uniche noie che potresti incontrare scegliendo il centro o la collina, sono del tutto trascurabili a mio avviso. Chi sceglie il centro potrebbe lamentarsi del parcheggio, ma avrebbe tutti i mezzi pubblici a disposizione. Chi sceglie la collina, durante l’inverno sarebbe costretto a spalare la neve, godendo però del fresco in estate. Detto tra noi, al netto di alcuni casi, il vostro budget deve avere una certa consistenza…

Update! >> Secondo noi Ronaldo ora che è passato alla Juve sceglierà di abitare in centro o in collina. Molti danno per certo un appartamento di superlusso in Piazza San Carlo!

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Appartamenti a Torino, ma anche poco fuori…

Se stai cercando un tipo di abitazione “di livello” ma a prezzo più contenuto, potresti cercare appartamenti anche in comuni diversi da Torino, che però siano ben collegati come Collegno e Rivoli, primi fra tutti perché ci arriva comodamente la metro. Oppure San Mauro (a nord) e Moncalieri (a sud) dove si trovano ville e villette molto carine.

Parlando di trasporti, non dimentichiamo che la città possiede due grandi poli ferroviari e altre stazioni piccole collegate a queste arterie. Un esempio, casa mia si trova a 5 minuti dalla stazione ferroviaria Lingotto e da questa a Porta Susa (ad un passo dal centro) o Porta Nuova ci vanno solo 5 minuti di treno. Le altre stazioni sono Stura, Dora, Madonna di campagna, Rebaudengo.

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Appartamenti a Torino: Santa Rita

Questo quartiere lo conosco molto bene, ci ho vissuto parte della mia giovinezza (ora perduta) ed è sempre stato uno dei più vivibili della città. Abbastanza vicino al centro ma con prezzi abbordabili, diversi parchi e servizi di vario genere.

Da segnalare nella zona, piazza d’Armi, grande area verde di fronte allo stadio olimpico e al Palaolimpico Isozaki (che ora si chiama Pala Alpitour, ma preferisco citare il nome dell’architetto). Più defilato ma caro al mio cuore, il parco Rignon. Entrando è possibile vedere la settecentesca Villa Amoretti, architettura nobiliare immersa nel verde, oggi sede di una biblioteca civica.

Il quartiere di recente si sta un pò svuotando, molti confluiscono verso il centro, ma resta sempre una posizione comoda in città con diversi servizi a disposizione. La seconda linea della metro, anche se ancora non si sa quando arriverà, dovrebbe passare proprio da Corso Orbassano.

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Appartamenti a Torino: Borgo San Paolo

La zona San Paolo, così come Santa Rita, è uno dei migliori quartieri “di mezzo” dove cercare appartamenti. Verso sud-ovest si trova il Parco Ruffini, per immergersi nel verde o fare sport.

Gode di buoni servizi e collegamenti, il plus dell’ex quartiere operaio Lancia, è il mix di sapori del sud. Grazie alla concentrazione di lavoratori approdati in città negli anni settanta (pugliesi, calabresi e siciliani) si respira un’aria più coesa. Alla “famiglia di quartiere” si sono aggiunti di recente anche arabi e cinesi.

La pianta del quartiere non è quella classica torinese, infatti qui si sviluppa a raggiera. Per chi non sapesse, la città ex accampamento romano a pianta rigorosamente squadrata, ha mantenuto quasi inalterata la sua forma anche nei secoli medievali e fino ai giorni nostri.

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

 

Appartamenti a Torino: Crocetta e San Secondo

Una delle mie zone preferite, il quartiere bene di Torino, qui ci sono le case della vecchia borghesia. La Crocetta è culla del mio stile architettonico preferito: il Liberty.

In particolare, se non ci siete mai stati, vi consiglio di fare un giro nella zona pedonale antistante al Politecnico. Da inizio 900 si è evoluta l’attuale prestigiosa area residenziale, con eleganti edifici progettati dalle Archistar dell’epoca (es. Fenoglio e Momo): eclettici, neogotici e, per mia gioia, Liberty.

Questa preziosa area gioiello è racchiusa tra Corso Einaudi, Corso Duca degli Abruzzi, Corso Montevecchio e Corso Galileo Ferraris. Il quartiere è ben abitato e tranquillo, ricco di servizi e vicinissimo alla nuova stazione di Porta Susa. Si lo ammetto, il mio sogno sarebbe trovare dimora in un palazzo in stile Liberty proprio qui.

La zona San Secondo è semplicemente la parte più vicina a Porta Nuova, ci sono vie particolari magari abitate “meno bene”, in questo caso è opportuno valutare il palazzo e i dintorni in modo specifico.

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Appartamenti a Torino: Vanchiglia (la nuova San Salvario)

Gli appartamenti in zona Vanchiglia ad oggi sono ricercatissimi. Vicinissimi al centro, direi alle spalle visto che c’è solo un corso di mezzo, praticamente attaccata a piazza Vittorio Veneto. Tutto è ben collegato, quindi comodo e al momento sembra un ottimo investimento perchè la zona è in veloce ascesa.

Ex zona universitaria ad un passo da Palazzo Nuovo e dal nuovo Campus Einaudi, si sta aprendo a nuovi fenomeni artistici e culturali. Fiorente di localini, ristoranti, botteghe artigiane e atelier con prezzi contenuti. Piazzetta Santa Giulia è il centro della zona ed è anche luogo di mercato.

Come la zona San Paolo, ha una sua dimensione di “paese”. Vivace, soprattutto nel weekend, vicina al verde e con piste ciclabili. Sulla sicurezza in zona c’è ancora da lavorarci.

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Appartamenti a Torino: San Salvario

Se sei un patito delle serate e della movida notturna, cerca casa qui. Zona multietnica e ricca di locali riqualificata da qualche anno, si trova incastrata tra Porta Nuova e lo splendido parco del Valentino.

La posizione è molto centrale, credo sia uno dei quartieri meglio serviti, grazie a metro, autobus e treno. Il problema principale sono gli spacciatori, per questo meglio evitare il centro di San Salvario e spingersi al di là di  corso Marconi.

Appartamenti a Torino: come scegliere il quartiere in cui abitare?

Appartamenti a Torino: altre zone

A sud, si trovano Mirafiori e Lingotto, tipicamente abitati da dipendenti Fiat. Sono posti tranquilli, si possono trovare anche villette sparse con giardino, retaggio di tempi passati dove i diregenti Fiat vivevano vicini alla fabbrica. Con i mezzi a una mezz’oretta dal centro a meno che non si sfrutti il treno dalla stazione Lingotto.

Cit Turin, un piccolo triangolo magico a Torino, una zona che non dovremmo neppure chiamare quartiere perchè molto piccola ma è davvero particolare ed elegante. Una delle punte di questo triangolo è contrassegnata dal grattacielo di Intesa San Paolo, alle sue spalle il tribunale e in mezzo un parco godibile.

Quadrilatero. Appartamenti a Torino al quadrilatero… si e no. La situazione in questa zona è complessa, trovo sia meravigliosa per certi versi. Ci sono vie incantevoli, ma all’interno dello stesso quartiere, il contesto cambia del tutto semplicemente svoltando l’angolo. Passi dalla caratteristica piazza Emanuele Filiberto, davvero chic a Porta Palazzo (sono pochi metri) davvero poco raccomandabile. Inoltre, quest’ultima è l’unico posto dove lasciare l’auto la sera, in alternativa al parcheggio sotterraneo a pagamento.

Infine Aurora, San Donato e Madonna di Campagna in assoluto i più economici a Torino. Zone estremamente multietniche, tendenzialmente poco sicure, c’è un mix di gente per bene e soggetti poco affidabili.

Se avete segnalazioni sulle zone di Torino, commenti su cosa vi piace o non vi piace, sarò felice di intergrare le vostre opinioni nel post.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.