vista dall alto di tavolini e sedie per esterno
Essere architetto oggi

Intervista a Mario Gentile, Founder di Shiftspace e del brand di arredamento Shift

Abbiamo incontrato (e di questi tempi si intende chiaramente online) Mario Gentile, per parlare di Shift. La sua azienda crea mobili sostenibili per il mondo esterno.

La collezione é incentrata sui materiali fatti per durare nel tempo – nella forma e nella funzione. Concepita come un toolkit per architetti e designer, i mobili e gli accessori completamente personalizzabili creano connessioni durature tra gli spazi, i paesaggi e le persone che ne usufruiscono.

Le voci di architetti, artisti, artigiani e designer industriali si fondono in una collezione di mobili che fonde sensibilità ambientale e design espressivo.

Sono nato a New York. Mia madre è americana e mio padre è italiano. Ho avuto la fortuna di visitare e persino di vivere in Italia quando ero più giovane.

Come ti sei avvicinato al design?

Ho studiato e sono abilitato come architetto con una passione personale per il design del prodotto, in particolare per i mobili. Mi sono laureato all’Università del Kentucky in Architettura e ho conseguito un Master in Progettazione Architettonica Avanzata alla Columbia University.

Quando è iniziata quest’avventura?

Lavoravo su alcuni progetti architettonici a New York. Avevo iniziato a presentare prodotti per la casa a concorsi di design e ho ricevuto eccellenti feedback. I progetti architettonici richiedono mesi o anni per essere completati mentre il design del prodotto era un modo di creare prodotti tattici più velocemente.

La storia delle origini di Shift e dello studio di design Shiftspace è iniziato durante la recessione del 2008. Mancavano due giorni a Natale quando mi sono licenziato dal mio lavoro in un ufficio di design di alto livello senza alcun preavviso.

A complicare ulteriormente le cose, mia moglie era a casa in maternità con il nostro figlio maggiore che in quel momento aveva sole 5 settimane – avevo bisogno di capire come sostenere la mia nuova famiglia ed allo stesso tempo controllare il mio successo.

E poi cosa é successo?

Avendo da tempo interesse a fondere il design del prodotto e la sostenibilità con il mio amore per l’architettura, ho partecipato a un concorso aziendale con l’intenzione di sviluppare sistemi di prodotti sostenibili che interagiscono con l’architettura. L’ho chiamato Shift Space Design.

Questi prodotti iniziali si sono concentrati sulla cattura dell’acqua piovana e alla facilitazione dell’agricoltura urbana, e da allora si sono evoluti in sistemi di mobili commerciali su larga scala grazie ai quali il marchio è oggi noto.

Nel 2016, prima di questa crescita, siamo passati a Wim May da Bend Goods per dirigere la linea. Il marchio di mobili e le attività produttive sono state rapidamente rinominate in “Shift”, mentre il resto dello studio si è diviso per diventare l’azienda di progettazione multidisciplinare “Shiftspace”. In ogni caso, Shiftspace continua a progettare i prodotti di Shift ancora oggi.

Quanto è importante la creatività e quanto la preparazione tecnica nel vostro lavoro?

In breve, noi guardiamo al design del prodotto attraverso la lente della nostra formazione architettonica e all’architettura attraverso la nostra esperienza e la precisione nella progettazione dei prodotti. È il nostro rapporto simbiotico tra il tecnico e creativo che fa progredire lo studio e il marchio Shift.

Perché la sostenibilità è così rilevante per la vostra azienda?

Abbiamo iniziato a creare i nostri mobili basando sulla sostenibilità come nucleo principale del nostro modello di business; abbiamo scelto di produrre a livello locale, scegliere materiali riciclabili e progettare in modo da ridurre al minimo gli sprechi. La progettazione sostenibile è fondamentale per offrire il successo alla nostra società in quanto siamo soggetti al cambiamento climatico.

Con questa missione di sostenibilità se ne intreccia un’altra: la cura della comunità in cui viviamo.

I progetti di Shift sono realizzati da partner di produzione nelle immediate vicinanze dell’utente finale, il che riduce l’impatto ambientale del trasporto merci e consente di investire nelle regioni in cui vivono e lavorano i nostri clienti.

Ci sarà sempre un impatto attraverso la produzione da lamiere e metalli, anche se il nostro obiettivo è quello di diminuirlo ulteriormente, realizzando prodotti durevoli che si adattino ai cicli di riciclaggio stabiliti. Riteniamo che sia sostenibile prendersi cura della comunità.

Vogliamo coinvolgere tutti, non solo l’area di Philadelphia. I negozi di metallo locali, i fornitori di materiali, e i partner di trasporto che utilizziamo portano lavoro e denaro alle economie locali in cui operano.

Di quale progetto siete più orgogliosi?

Non c’è davvero un progetto in particolare che mi renda orgoglioso, la cosa sorprendente della nostra attività è che il prossimo progetto è sempre un’opportunità per creare qualcosa di cui essere orgogliosi.

Chi sono i vostri clienti?

Guardando indietro ai nostri clienti passati, è notevole che il nostro duro lavoro ha ha attirato l’attenzione di città americane, musei, aziende facenti parte della Fortune 500, marchi di ristoranti come Shake Shack, aziende non-profit come Bloomberg Philanthropies e giganti della tecnologia come Tesla.

Shift mette a disposizione regolarmente prodotti agli architetti paesaggisti, ai fornitori di ospitalità e agli interior designer che operano negli spazi di lavoro, nel commercio e nella ristorazione.

Come sta cambiando il mondo del design e quali sono gli sviluppi futuri?

Ultimamente, a causa del Covid-19 abbiamo lavorato a distanza. Lo studio è completamente digitale per scelta, il che ha contribuito a facilitare la transizione.

Ha anche consolidato la consapevolezza che non dobbiamo essere in una specifica regione e che possiamo lavorare da qualsiasi parte del mondo con una connessione internet. Anche se come azienda di design, ci manca la capacità di gestire i nostri prototipi fisici e riunirsi nello stesso spazio per esaminarli.

Abbiamo realizzato lo sforzo consapevole di impegnare le nostre tecnologie con l’architettura e il design del prodotto per aiutare il nostro processo di progettazione quando creiamo per il futuro.

In arrivo, per la linea Shift, ci sono più opzioni per prodotti esistenti che rendono più facile lavorare e godersi la vita all’aria aperta, e nuove release improntate al relax all’incontrarsi in sicurezza.

Cosa consiglieresti a chi vorrebbe fare lo stesso lavoro e avere successo negli Stati Uniti?

Lavorare negli Stati Uniti, e in particolare a Philadelphia, ha permesso al nostro piccolo business di iniziare, crescere e avere successo attraverso il duro lavoro e un po’ di fortuna.

Ha anche permesso a noi architetti di diventare product designer e di scegliere un percorso non tradizionale che oscilla tra architettura e design. Il nostro studio è stato creato per lavorare con il nostro stile di vita e ci siamo ritagliati un mercato tutto nostro per divertirci con nuovi progetti su più livelli.

Il marchio Shift è cresciuto principalmente dal passaparola.

I nostri clienti, partner e colleghi hanno fornito un network solido e costante che permette alla collezione di crescere in un modo unico e non convenzionale. Non dirò che la produzione americana, e nemmeno le vendite di mobili negli USA, sono una passeggiata… abbiamo sempre riscontrato che consumatori europei hanno una maggiore comprensione della qualità e dell’estetica dei nostri prodotti.

Tuttavia, molti clienti negli Stati Uniti hanno ora capito il marchio, il nostro messaggio, la nostra missione sostenibile. Questi gruppi non cercano più prodotti realizzati con manodopera a basso costo, a migliaia di chilometri di distanza, utilizzando materiali che non sono sviluppati per sopportare la durezza dello spazio pubblico. Cercano Shift.

Fate ciò che credete sia giusto, e la crescita seguirà – sia che vi troviate negli Stati Uniti, sia che vi troviate in Italia.

Manuela Olivero

Fondatrice del blog. Laurea in Design al Politecnico di Torino, Master in Tecnologia e comunicazione multimediale conseguito con il massimo dei voti. Esperienze lavorative molto diverse hanno plasmato il mio profilo poliedrico. Il web è il mio mondo, lo vivo dentro e fuori dal lavoro, mi appassiona e seguo ogni sua evoluzione per non restare mai indietro. Il design è nel cuore.

Potrebbe piacerti...