ganci-coop-sostenibilita-finetodesign
Fai da te Lifestyle

Quando il packaging diventa un oggetto di riuso: il caso della molletta con gancio

Non c’è da stupirsi se oggetti di uso quotidiano, spesso nati da una necessità, diventino un’icona di design. Come nel caso della molletta e della gruccia, manufatti che per il loro uso hanno rivoluzionato la vita quotidiana. Proprio dalla combinazione di questi due oggetti è nato un nuovo packaging messo in commercio da Coop per la vendita di una linea di intimo. Una scelta commerciale che va oltre la semplice utilità ma guarda al riutilizzo dell’oggetto in un ottica di sostenibilità che vuole ridurre gli sprechi. La molletta con gruccia può risultare utile così com’è oppure si può facilmente ricavare una molletta senza la gruccia, staccando il pezzo superiore con le mani. Il materiale con cui è realizzata ne permette la rimozione con facilità, e nel caso rimangano piccole sporgenze si possono eliminare con la forbice o una limetta.

Riuso ed ecosostenibilità della molletta con gancio

Parliamo del nuovo packaging messo nel mercato da Coop: una molletta con gruccia. L’oggetto nasce per la vendita e l’esposizione di una linea di intimo firmata Coop, dove la molletta fissa l’indumento e la gruccia serve per l’espositore. Un oggetto innovativo che a sua volta può risultare utile in casa. L‘attenzione di Coop alla sostenibilità ed al riuso degli oggetti che mette nel mercato ha portato alla creazione di questo packaging, con una visione che va oltre lo scaffale d’esposizione. Dare nuova vita agli oggetti, quindi il riuso, fa parte di quelle pratiche virtuose e di ecosostenibilità ambientale ed economia circolare che Coop sostiene da anni.

Ho preso ad esempio questa molletta perché il suo design mi ha ispirato molte idee per il riuso, in casa. La molletta è una rivisitazione moderna, in platica, della molletta per il bucato, e le forme rotondeggianti ed il colore nero la collocano come un oggetto moderno e dal design sicuramente piacevole. La gruccia ne amplia l’utilità ma allo stesso tempo può essere rimossa senza danneggiare la molletta. Una volta eliminata la parte del gancio, che si rimuove facilmente con le mani, rimane una molletta utilizzabile per diversi fini, da fermacarte, a chiudi sacchetti della cucina fino ad essere utilizzata per il bucato. Ma vediamo qualche potenzialità in più di questo oggetto.

Alcune idee per il riuso della molletta con gancio

Partendo dalla molletta, con l’aiuto di altri aggetti che tutti abbiamo in casa come degli adesivi, un pennarello, delle puntine o dei chiodi, ho creato un’agenda settimanale da parete, per non perdere il conto dei giorni anche durante lo smart working. Le mollette con grucce non sono state modificate se non con l’aggiunta dell’iniziale del giorno della settimana nel pallino destinato alla taglia dell’indumento. Potete utilizzare degli adesivi con lettere o scrivere direttamente sulla plastica con un pennarello bianco indelebile. Una volta fatto ciò le ho disposte su una lavagna di sughero con delle puntine, ma si possono mettere direttamente sul muro con dei chiodini. A questo punto ad ogni molletta ho appeso dei bigliettini da aggiornare con il promemoria del giorno, la lista delle cose da fare, le ricorrenze.

Una soluzione valida per lo spazio scrivania, come per la cucina, che per la camera dei bambini: basta avere fantasia. Il vantaggio del gancio, abbinato alla molletta, la rende un oggetto ideale da appendere in diverse situazioni, non solo nell’armadio. Il gancio si può appendere a pensili non troppo grossi, maniglie, chiodi, radiatori, piccole sporgenze; alla molletta si possono appendere dai bigliettini, alle foto, a qualsiasi oggetto siano in grado di sopportare come presa e peso. Qui di seguito ne vedete degli esempi.

altre idee…

Un’altra soluzione si può ricavare combinando assieme due mollette con gancio, unendole entrambe all’estremità pinzandole una con l’altra. Quello che si ottiene è un appendino con due ganci alle estremità: uno per essere agganciato (all’armadio per esempio o su un filo o su una maniglia), uno per agganciare un oggetto. (Vedi foto sopra) Se lo desiderate si più togliere, sempre con facilità, anche la sporgenza rotonda per avere un gancio in tutto e per tutto.

In bagno, la molletta con gruccia, mi ha aiutata a risolvere il ‘problema’ delle salviette per gli ospiti, perché avendo un bagno molto piccolo mancava una zona d’appoggio per il classico cestino. Con la molletta ho risolto appendendo le salviettine al radiatore accanto al lavello, una soluzione pratica e non sgradevole da vedere.

Il riuso degli oggetti che acquistiamo in maniera indiretta, come può essere appunto un packaging, rientra tra le buone abitudini che ci fanno contribuire a ridurre gli sprechi e l’inquinamento. Tutto parte però dalle potenzialità che il packaging stesso offre, e qui siamo davanti ad un esempio ben studiato, voluto e realizzato pensando al riutilizzo, sostenibile fin dalla fase produttiva.

Giorgia Ceccato

Architetto per scelta e Blogger per caso. Si laurea in Architettura quinquennale presso l’Università di Firenze. Ha vissuto un anno a Madrid dove ha trovato un meraviglioso mondo di architetture e design. Spirito libero, fantasiosa e viaggiatrice. Da quando è andata a NY il suo libro di riferimento è ‘The Architecture of Happiness’ di Alain de Botton. Sempre 'alla ricerca delle architetture', come la definiscono gli amici. Ha una mascotte, il suo cane Milla, dalla quale non si separa (quasi) mai!

Potrebbe piacerti...