Cucine di lusso: la bellezza della semplicità

Cucine di lusso: la bellezza della semplicità Valcucine

Oggi vorrei parlarvi delle cucine di lusso! Frequentare un master in interior design mi ha più volte portato a confrontarmi con la realtà di mobilifici di altissima qualità, con elevati standard tecnologici che fanno della semplicità formale e dell’essenzialità le caratteristiche principali della loro produzione.

Cucine di lusso: la bellezza della semplicità Valcucine

In Italia abbiamo aziende dalle qualità inconfondibili e molte dotate di una filosofia condivisibile che fanno del rispetto dell’ambiente il principale obiettivo. Sono entrata così, nel mondo delle cucine di lusso.

Adottano una costante rivoluzione tecnica e la continua ricerca di nuove soluzioni formative, mantenendo una matura attenzione alla sostenibilità ambientale del loro operato, sono così leader nel settore delle cucine. La grande poliedricità dei modelli permette di creare una cucine personalizzate, che incontrano qualsiasi gusto estetico, andando incontro a diverse personalità.

forma mentis

Cucine di lusso: la bellezza della semplicità Valcucine

L’eccellenza artigianale caratterizza il nostro paese. Le aziende italiane puntando su un concetto di “estetica eterna” in quanto espressione del cliente, del suo gusto, delle sue esigenze, del suo carattere.

Valcucine, è un marchio che ci piace particolarmente per i suoi progetti unici. Nasce da un costante impegno verso la ricerca, volta a giungere all’essenza delle cose. Celebra cura del particolare e purezza della semplicità.

genius 3

mecca 5

Quest’azienda produce cucine di lusso con combinazioni e modelli, di materiali e accostamenti, di colori e soluzioni per soddisfare ogni gusto. Si è trasformata da subito in un punto di riferimento del proprio settore introducendo “l’ingegnerizzazione del design”, ossia lo sforzo di armonizzare le linee armoniose con le tecnologie più innovative.

Oggi più che mai, ogni azienda punta alla ricerca di soluzioni sempre nuove abbinando creatività, cura del dettaglio, passione per i materiali naturali, riscoperta delle lavorazioni artigianali e la salvaguardia dell’ambiente.

geniusloci-1

Cucine di lusso: la bellezza della semplicità Valcucine
Il cliente e la soddisfazione dei suoi bisogni rappresentano le fondamenta della produzione italiana. La maggior parte del mercato è in grado di offrire composizioni sono poliedriche in grado di offrire infinite combinazioni di stile e di materiale per potersi adeguare alle singole esigenze personali.

Lo studio e la ricerca continua nel campo dei materiali e delle finiture rendono le cucine un baluardo dell’arredamento di lusso.

mecca

Cucine di lusso: la bellezza della semplicità Valcucine
Legno, vetro, superfici laccate, tutti i materiali dialogano tra loro in un concerto di equilibrio e sinfonia. Pensate che Valcucine, nello specifico, ha mutuato dal settore dell’automobile la tecnologia per produrre l’anta più de-materializzata al mondo: 2 mm di spessore, riducendo del 90% l’impiego del legno.

Inoltre, nel 2008 ha presentato l’innovativo sistema di componenti in vetro ed alluminio: completamente riciclabile e privo di colle, oltre che completamente impermeabile e immune agli effetti di acqua e vapore.

mecca2
In un progetto come Meccanica, pensata con un’intelaiatura metallica leggera in cui i singoli componenti si uniscono attraverso giunzioni meccaniche evitando l’impiego di colle, si evidenzia l’attenzione per la riciclabilità e il riutilizzo.

L’eco-sostenibilità è oramai un’importante missione aziendale per tutti i produttori del settore. Se a questo aggiungiamo anche l’impegno nel ritiro a fine ciclo di vita del prodotto, si nota come l’alto design punti l’attenzione su un concetto di “democratic modern design” rendendosi esempio di economia circolare nel settore delle cucine di lusso: “gli elementi sono progettati per essere quindi riutilizzabili al 80% e riciclabili al 100%.”

mecca3
Un significativo progetto che porta ad un sistema per la dematerializzazione degli elementi al fine di arrivare ad una struttura nuda, dove fianchi e ante sono stati eliminati per arrivare all’utilizzo del minimo materiale necessario.

Per garantire una lunga vita ad un oggetto di design bisogna concentrarsi sul suo valore estetico, in quanto sarà questo che consentirà al cliente di creare un livello di affettività con l’oggetto rallentando il processo di dismissione dello stesso. Allungando la vita utile dell’oggetto si aumenta la sua sostenibilità perché se ne aumenta il ciclo di vita riducendone l’impatto ambientale.

meccanica (2)

Cucine di lusso: la bellezza della semplicità Valcucine
Invertendo sostanzialmente il concetto dell’usa e getta, che tralasciava l’estetica in favore di un rapido ricambio, oggi si mette a disposizione la cultura d’impresa per portare avanti un concetto di etica nella ricerca di tecnologie innovative che le permettano di produrre riducendo al minimo la materia, l’energia impiegate e l’emissione di tossine.

Nel panorama odierno, quando si parte con un nuovo progetto l’azienda “etica” considera oramai imprescindibili l’attenzione alla funzionalità e il rispetto della salute. Elementi perseguiti attraverso l’ergonomia e la costante riduzione delle emissioni tossiche riducendo al minimo l’utilizzo di colle nell’assemblaggio dei suoi componenti arrivando praticamente ad eliminare le emissioni di diossina.

meccanica-

Il designer Gabriele Centazzo racconta:

Progettare l’essenza significa ideare un’eleganza e una raffinatezza che non hanno bisogno di ricorrere a inutili orpelli per nascondere difetti e imperfezioni. È fondamentale quindi esaltare la cura del particolare, la perfezione degli accostamenti, la bellezza della semplicità. Tutto ciò costituisce una forma mentis che è diventata bagaglio del mio modo di fare design, da qui il nome pensiero estetico.

Lascia un commento